fbpx
AcaiaMedical_Filler_Fronte e Occhi

MENTO E COLLO

Negli ultimi anni il settore dei filler dermici ha un nuovo focus che coinvolge il viso nella sua interezza, con particolare attenzione anche al mento, alla mascella, alla zona mandibolare e all’ovale da correggere con un filler e una procedura speciali: lo sculpting facciale grazie al metodo MD Codes.

MDCodes sta per Medical Codes: un metodo di sistematizzazione per i trattamenti estetici iniettabili facciali ideato dal medico estetico brasiliano Mauricio De Maio.

De Maio ha completamente rivoluzionato l’approccio al viso del paziente, ideando un nuovo metodo che guarda al viso nel suo complesso e al rispetto dell’unicità di ciascuno. In passato, infatti, si interveniva sul singolo inestetismo senza avere una strategia rispettosa dell’armonia, e questo poteva generare risultati innaturali e diversi da quelli sperati dal paziente stesso.

Con MD Codes, invece, i punti di iniezione sul viso rispettano le subunità facciali e vengono pensati in base a una strategia complessiva che consenta di armonizzare il risultato in modo specifico in base al viso e alle esigenze di ogni paziente.

Gli MD Codes sono proprio i siti strutturali utilizzati per creare o ricreare l’architettura del viso ideale per ogni paziente. Ciascuna unità dell’estetica del viso (guancia, mento, labbra o fronte) è composta a sua volta da subunità ed importante che siano tutte rispettate. Questa conoscenza, insieme a un sapiente dosaggio dei filler dermici iniettabili a base di acido ialuronico, consente di ottenere un look che resta del tutto naturale dopo la seduta.

La bellezza si ispira a tre principi chiave: simmetria, equilibrio e armonia. La forma ideale è quella considerata simmetrica con un ovale ben proporzionato: una mandibola definita e un chiaro stacco tra il collo e l’area del mento.

A tale scopo noi di Acaia Medical Center utilizziamo Juvederm Volux, un nuovo filler a base di acido ialuronico concentrato e specifico per ripristinare i volumi di questa parte dell’ovale, che fino adesso non aveva molte soluzioni, se non quelle chirurgiche.

I nuovi filler a nostra disposizione utilizzano tutti una tecnologia molto avanzata che è stata presentata durante il recente congresso di Aesthetic & Antiaging Medicine World Congress a Montecarlo: l’acido ialuronico di ultima generazione viene definito “crosslinkato” (detto anche reticolato), capace di diffondersi in modo progressivo nel derma e mantere quindi il risultato molto più a lungo (fino a due anni). Il filler viene iniettato con microcannule flessibili e poco invasive con la punta arrotondata. Non si percepisce nessun fastidio poiché all’interno del filler è presente la lidocaina, anestetico locale.

Con Juvederm Volux e la tecnica Md Codes siamo in grado di correggere il mento e gli angoli mandibolari, a favore anche di una riduzione del doppio mento. Questo tipo di filler è particolarmente indicato anche in caso di mento sfuggente, inestetismo particolarmente sentito anche dagli uomini.

In alternativa (a seconda del caso che valutiamo di volta in volta), utilizziamo anche Radiesse, un filler a base di idrossiapatite di calcio approvato FDA – di cui sono fatte anche le nostre ossa, quindi una sostanza completamente riassorbibile dall’organismo – che non solo determina un recupero dei volumi persi, con un immediato effetto rinvigorente e distensivo, ma che provvede anche a stimolare la produzione di collagene in modo completamente naturale. Un filler speciale con caratteristiche nettamente diverse rispetto ai classici iniettivi a base di acido ialuronico. La differenza sostanziale sta nel materiale, che è molto più viscoso ed elastico, più fluido e distensivo. Per questa ragione viene chiamato lifting liquido. L’effetto finale sarà ancora più naturale.

È sufficiente una sola seduta per ottenere il risultato desiderato: visi particolarmente disidratati o con una pelle molto lassa richiedono qualche fiala in più, ma la seduta effettivamente necessaria è solo una. È questo il punto di partenza per decidere ogni quanto ripetere il trattamento.

Studi clinici dimostrano come il trattamento a base di idrossiapatite abbia degli effetti che durano dai 9 ai 12 mesi, ma le pazienti tornano anche prima e non ci sono controindicazioni.

Chiama oggi la nostra struttura
+39 06 90202479
oppure parla con un operatore in chat

Troverai a disposizione uno dei nostri esperti che saprà consigliare il trattamento più adatto a te.

Menu